Partito Democratico Paderno Dugnano

Deliberazione della Giunta Regionale Lombarda sulla riqualificazione della Rho Monza

interriamo

Nonostante il parere contrario dei territori (amministrazioni, comitati, cittadini e partiti politici) e persino di diversi pareri tecnici che vedono difficoltà nel finire l’opera prima di Expo 2015, la Giunta regionale lombarda ha deliberato  (delibera Regione su RhoMonza 25-07-2013) parere positivo in ordine alla compatibilità ambientale dell’attuale progetto di riqualificazione della SP46.

Lo fa – tra l’altro – nel modo peggiore; confrontando nella relazione istruttoria (allegato A) – relativamente al capitolo 2.5 “Alternative progettuali e considerazioni di merito” – dove la proposta dei comuni viene definita – pag. 20 – “non sostenibile per la collettività

Anche sorvolando sul fatto che la “variante comuni”  non è un progetto esecutivo ma solo la dimostrazione tecnica della possibilità di un’opera progettata diversamente – contrariamente  a quanto sempre sostenuto da Serravalle – e che quindi le due proposte non possono essere confrontate tout-court (ad esempio sui costi)

Di interramento a Paderno Dugnano nel documento NON SI PARLA,
neppure per negarne l’utilità o la fattibilità

Si dice che è stato esaminato come parte della “variante comuni” (pag. 17), lo si cita nel capitolo 2.5.2.1 “Potenziamento dell’itinerario in sede (compreso interramento tratta Paderno D.)” nel titolo tra parentesi, quasi fosse stato aggiunto in un secondo tempo, poi NON SE PARLA PIU’ fino alle osservazioni del pubblico da pag. 32 (dove praticamente tutte le osservazioni dei padernesi chiedono l’interramento).

Senza però affrontare il tema dell’interramento a Paderno neppure nelle conclusioni (magari anche solo per rispondere alle osservazioni del pubblico) al capitolo 5. “Conclusioni: parere regionale e proposta di prescrizioni” da pag. 42, limitandosi ad indicare come indispensabile la costituzione di un Osservatorio Ambientale che però a questo punto potrebbe intervenire solo a posteriori – anche se non si capisce come – sull’impatto ambientale dell’opera.

La deliberazione chiude infine con una serie di prescrizioni obbligatorie TRANNE che per il terzo punto critico evidenziato da Paderno Dugnano, il ponte ad arco, per il quale si limita ad auspicare la valutazione di “un’opera d’arte di minore impatto paesistico” (prescrizione a.15 a pag. 45) valutazione che potrà quindi essere “non sostenibile per la collettività” a unico giudizio di Serravalle.

E se viene prescritto la predisposizione di “un documento di verifica / revisione delle procedure di emergenza lungo il tracciato in relazione alla presenza di insediamenti a rischio di incidente rilevante” (prescrizione o a pag. 49) come richiesto nelle osservazioni presentate dal Partito Democratico riteniamo che

per Paderno Dugnano il risultato
sia assolutamente insoddisfacente,

la nostra città rischia di essere sacrificata per l’ennesima volta in nome di un presunto bene comune  come già avvenuto per l’inceneritore (il nuovo è momentaneamente fermo al Tar ma il vecchio continua ad operare) e come presto avverrà con la terza corsia della Milano Meda ed il collegamento con la Pedemontana.

Chiediamo che l’amministrazione comunale di Paderno Dugnano faccia sentire con più forza la sua voce e si ponga alla testa delle amministrazioni dei comuni coinvolti per evitare che i legittimi riscontri ottenuti dagli altri comuni non lascino la nostra città con TUTTI I PROBLEMI IRRISOLTI.

Siamo convinti della necessità di una soluzione al problema di traffico rappresentata dall’attuale sp46  con code (e relativo inquinamento) che, nelle diverse fasce orarie, si ripetono giornalmente in direzione Bollate o nello svincolo Padernese di immissione alla Milano Meda ma l’opera deve essere fatta a regola d’arte.

Come sempre il Partito Democratico di Paderno Dugnano opererà in sintonia con i comitati dei cittadini, con i partiti, con  i movimenti e con le amministrazioni responsabili che – come noi – condividono questa lotta, ribadendo la disponibilità delle nostre sedi e dei nostri volontari per qualsiasi necessità, con il consueto spirito di collaborazione che privilegia il raggiungimento degli obiettivi comuni per la Città alla mera battaglia di parte.

Segnalo infine, in chiusura, la conferma dell’attenzione dei nostri parlamentari del PD al problema, riportando la risposta ai Comitati data dal capogruppo del PD Speranza del 24 luglio scorso, dopo il confronto con i nostri parlamentari del territorio; Casati, Cimbro e Mauri.

Oscar Figus
Coordinatore Cittadino
Partito Democratico
Paderno Dugnano


Documento di tipo Microsoft Word

COMUNICATO STAMPA – 31 luglio 2013 — Deliberazione della Giunta Lombarda su RhoMonza

documento di tipo Adobe Acrobat pdf

deliberazione Regione Lombardia su RhoMonza 25-07-2013

documento di tipo Adobe Acrobat pdf

PD Paderno Dugnano – 3 nov 2012 – Osservazioni alla VIA sulla Rho Monza


 

Lettera dei Comitati:

Oggetto: Riqualificazione SP46 Rho-Monza

Onorevole capogruppo,

con la presente, il Coordinamento dei Comitati Cittadini per l’Interramento della Rho-Monza (CCIRM), desidera sottoporle, allegata al presente invio, un’inziativa spontanea dei cittadini per la quale le chiediamo di farsi portavoce, verso il proprio gruppo politico, affinche Camera e Senato prendano in considerazione le indicazione del documento e definiscano una posizione chiara e possibilmente unanime, in merito alla risoluzione del problema in oggetto.

Una copia della seguente richiesta è stata inviata a tutti i capigruppo di Camera e Senato e, nei prossimo giorni, verrà inviata anche alle istituzione locali

Certi della vostra attenzione e confidenti in un vostro riscontro, porgiamo distinti saluti.

Mirko Longhi
Referente per CCIRM – Comitato Cittadini Interramento Rho-Monza
website: http://interramento.padernesi.com
mail: info@padernesi.com


Risposta On. Speranza PD:

documento di tipo Adobe Acrobat pdf  Roberto Speranza PD – 24 luglio 2013 – Risposta ai Comitati Rho Monza