Paderno Dugnano

Primarie PD 3 marzo 2019 – i risultati di Paderno Dugnano

A Paderno Dugnano sono stati 942 i votanti complessivi alle primarie per la scelta del Segretario nazionale. Il Partito Democratico è stato presente e nella città con 5 seggi divisi tra sedi di quartiere, associative e Gazebo.

Fra i tre candidati Nicola Zingaretti ha ottenuto il 64,07% dei voti con 601 preferenze, Maurizio Martina il 18,34% con 172 preferenze e Roberto Giachetti il 17,59% con 165 preferenze.

Siamo molto soddisfatti dell’affluenza ottenuta che dimostra l’esistenza di una comunità che ha ancora la voglia e la forza di partecipare e scegliere, ringraziamo gli iscritti e gli elettori che si sono recati ai seggi, ma soprattutto i nostri volontari che hanno reso questa grande giornata di partecipazione possibile.

Grazie a tutti!

La Segretaria PD Antonella Caniato
Il coordinamento PD
Gli eletti in consiglio comunale

Fai click per vedere i dati seggio per seggio
Alcune foto dai seggi

Daniela Caputo – INTERROGAZIONE – Incuria e completa assenza di manutenzione alla Cava Lago Nord

Alla C.A. del Facenti Funzioni Sindaco
Dell’Assessore al Decoro Urbano e Ambiente
Del Presidente del Consiglio Comunale
Del Segretario del Consiglio Comunale

OGGETTO: INCURIA E COMPLETA ASSENZA DI MANUTENZIONE ALLA CAVA LAGO NORD

La sottoscritta DANIELA CAPUTO Consigliera Comunale di Paderno Dugnano del Gruppo consiliare del Partito Democratico

PREMESSO CHE

  • Cava Nord è l’esempio di attenzione e sensibilità per le tematiche ambientali da parte sia di una Amministrazione Comunale virtuosa come quella che fu guidata dal Sindaco Stefano Strada che da parte di un mondo imprenditoriale che ebbe come riferimento il Sig. Luigi Tonelli, che negli anni ottanta hanno stipulato una Convenzione che ha portato allo sviluppo di un progetto di recupero ambientale delle aree oggetto di coltivazione mineraria.
  • Questo recupero ambientale è stato un momento di alto spessore innovativo e qualificante realizzato attraverso il progetto redatto dall’Arch. Cerasi. Questo connubio di forze, improntate al bene comune ambiente e vivibilità dei luoghi ha portato detto Progetto nel 1999 al riconoscimento del miglior progetto di recupero ambientale in occasione dell’European Restoration Award.
  • Il Risultato fu che Paderno Dugnano potè e può beneficiare di un polmone verde di 45 ettari in un’area fortemente cementificata ed urbanizzata.
  • Tra i diversi spazi di cui l’utenza poteva (e potrebbe) beneficiare e godere c’era anche l’Anfiteatro intitolato alla memoria di chi quel progetto volle, ovvero, il Sindaco Stefano Strada. L’Anfiteatro ha visto per ben 9 edizioni, dal 2000 al 2009, momenti di spettacolo e cultura musicale sia nella rassegna “Lago Nord Live Festival” che in altri eventi musicali organizzati con l’ausilio dell’Assessorato agli eventi e cultura; eventi felicemente partecipati dai cittadini di Paderno Dugnano, da tanti giovani del Milanese e non solo.
  • Purtroppo, l’Anfiteatro è diventato un luogo abbandonato a se stesso, non più oggetto di interesse e cura da parte dell’Amministrazione Comunale che va dalla Giunta del 2009 ad oggi, tanto da essere ormai irriconoscibile ed oggetto solo di atti vandalici, come dimostrato dalle immagini ivi riportate.
  • La stessa incuria e disinteresse dell’amministrazione è visibile in più punti del Parco Lago Nord – Cava Nord.

CHIEDE ALL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RISPONDERE ALLE SEGUENTI DOMANDE, PUNTO PER PUNTO:

  1. CHE FINE HA FATTO IL DECORO URBANO NELLO SPAZIO DELL’ANFITEATRO?
  2. CHE FINE HA FATTO IL RISPETTO PER L’AMBIENTE NEL PARCO CAVA NORD DA PARTE DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE?
  3. CHE FINE HA FATTO IL DECORO ED IL RISPETTO PER UN LUOGO INTITOLATO AD UNA ISTITUZIONE PUBBLICA DELLA CITTA’ CHE QUEL LUOGO HA FORTEMENTE VOLUTO FORTEMENTE PER TUTTI I SUOI CITTADINI?
  4. COME MAI NON SI SONO PIU’ SVOLTE MANIFESTAZIONI CULTURALI MUSICALI SIMILI A QUELLE CHE PER 9 ANNI HANNO DATO GIOIA E PARTECIPAZIONE A PADERNO DUGNANO?
  5. PERCHE’ NON SI E’ MAI PENSATO DI MANUTENERE L’ANFITEATRO?
  6. COME MAI IN DIVERSI PUNTI DEL PARCO LAGO NORD C’E’ INCURIA, ATTI DI VANDALISMO O ASSENZA DI MANUTENZIONE DA PARTE DEGLI ORGANI PREPOSTI?
  7. COME MAI IN 10 ANNI DI AMMINISTRAZIONE COMUNALE SOTTO LA CONDUZIONE DELL’ALLORA SINDACO ALPARONE NON SI E’ CERCATO DI ALMENO MANTENERE TUTTI GLI SPAZI DELLA CAVA NORD IN UNO STATO DI BUONA CONSERVAZIONE?

CHIEDO CHE LA PRESENTE INTERROGAZIONE VENGA ISCRITTA ALL’ODG DEL PRIMO CONSIGLIO COMUNALE UTILE, IN ATTESA DI RISPOSTA SALUTO DISTINTAMENTE.

Paderno Dugnano, 18 febbraio 2019

Consigliera Comunale di Paderno Dugnano
Daniela Caputo

COMUNICATO STAMPA – Ampliamento Carrefour Paderno

In data 26/11/2018 si è tenuta la Commissione consiliare territorio riguardante il progetto di ampliamento del Centro Commerciale Brianza (Variante parziale n.2 al PGT vigente).

Il Partito Democratico sez. “A. Gramsci” di Paderno Dugnano è fortemente critico verso il metodo utilizzato, il contenuto descritto e il Vicesindaco facente funzioni di Sindaco Gianluca Bogani.

Infatti, data l’importanza della proposta in discussione, riteniamo che la convocazione di una commissione “aperta anche al contributo di soggetti esterni” e “compatibilmente con i tempi della seduta” non sia sufficiente; è necessario intraprendere un percorso di ascolto e confronto vero con singoli cittadini, enti e associazioni di categoria e non di Paderno Dugnano, in vista di assemblee pubbliche dislocate in tutti i quartieri.

La scelta effettuata denota un fatto ormai noto: la scomparsa della parola “partecipazione” dal vocabolario dell’Amministrazione comunale.
(A quando il nuovo “Regolamento della Partecipazione?”)

Non sono state fornite risposte soddisfacenti su quesiti tecnico/strategici, tra i più importanti: prescrizioni in merito ai consumi energetici, misure di mitigazione ambientale, bilancio occupazionale con ricadute sulle attività commerciali della nostra città.

Riteniamo incurante degli interessi dei cittadini l’intervento del Vicesindaco, il quale non ha tenuto conto delle osservazioni emerse non solo da parte delle forze di opposizione, ma anche da parte del suo partito politico di riferimento.

Il segretario della Lega Nord di Paderno Dugnano ha infatti espresso chiaramente l’indisponibilità dei suoi consiglieri comunali a supportare la proposta attuale.

Vano è il tentativo messo in atto da questa Amministrazione di scaricare la responsabilità delle decisioni.

Chiediamo che si operi d’ora in poi negli interessi esclusivi dei nostri concittadini, abbandonando le logiche di opportunità politica ed elettorale a cui si è scelto di ottemperare.

Coordinamento Partito Democratico di Paderno Dugnano

Metrotramvia Milano-Limbiate e metropolitana M3 fino a Paderno Dugnano: una non escluda l’altra.

Articolo su Metrotramvia Milano-Limbiate e prolungamento M3,
a cura del Gruppo Consiliare PD
apparso su “La Calderina”
– Notiziario comunale di Paderno Dugnano –
n° 2, agosto 2018, p. 14

 

COMUNICATO STAMPA – Cormano-Paderno, PD: prioritaria la riqualificazione della metrotramvia Milano-Limbiate. Sul prolungamento M3, ok a studio di fattibilità

“Bisogna assicurare che il piano per la realizzazione della metrotramvia Milano-Limbiate venga mantenuto valido da Regione Lombardia e dai Comuni interessati alla tratta. Sono anni che i cittadini attendono una riqualificazione di superficie necessaria per rendere ottimale il servizio, ridurre i volumi di traffico automobilistico, migliorare la viabilità e l’assetto urbanistico della strada dei Giovi”.

Lo annunciano il Partito Democratico dei circoli di Cormano e di Paderno Dugnano, che aggiungono: “è fondamentale evitare il rischio che le risorse economiche previste nei bilanci di Regione e Comuni per la metrotramvia siano subito dirottate per la realizzazione del prolungamento della Linea 3 della Metropolitana, quando non si è ancora realizzato uno studio di fattibilità. E con il pericolo reale che in questo modo non venga mai realizzata la metrotramvia e il prolungamento della metropolitana resti una promessa elettorale dagli esiti incerti e dall’iter assai lungo e complicato”.

“I consiglieri regionali e i politici locali di centrodestra, che raccolgono firme ai gazebo sul prolungamento, dicano chiaramente se vogliono mettere a rischio la realizzazione già prevista della metrotramvia, perdendo così anche la possibilità concreta di una riqualificazione dei quartieri interessati o stanno illudendo i cittadini utilizzando il mito del prolungamento della MM3 in modo irresponsabile per i loro fini elettorali. Promettono la luna sapendo che i tempi saranno lunghi e incerto il risultato.

Dimostrano, come al solito, di anteporre la campagna elettorale delle prossime amministrative nei nostri comuni al bene comune, alle ragioni della realtà e del buonsenso. Il PD in Regione Lombardia – continua la nota – ha già presentato la richiesta per l’avvio dello studio di fattibilità per il prolungamento della metropolitana 3, senza voler cedere sulla strada della realizzazione della nuova metrotramvia. Progetto da 80 milioni di euro (già stanziati) condiviso dal Comune di Milano che da anni, insieme ai Comuni della tratta, lavora alla sua realizzazione. “.

 

I Circoli del Partito Democratico
di Cormano e Paderno Dugnano

Comunicato stampa – ampliamento Carrefour – Centro Commerciale Brianza

Come pensavamo l’Amministrazione Comunale di Paderno Dugnano, attraverso la maggioranza che la sostiene, si appresta ad approvare la variante urbanistica propedeutica all’ampliamento del Centro Commerciale Brianza.

Ne eravamo certi.

Noi vogliamo però esprimere una contrarietà di merito e di metodo all’operazione proposta, alla luce anche delle dichiarazioni rilasciate su La Calderina da parte del Sindaco Alparone. Abbiamo molto rispetto di tutti i protagonisti che operano sul nostro territorio e quindi anche del Centro Commerciale Brianza, abbiamo qualche riserva in più sul tipo di lavoro offerto e soprattutto sui nuovi contratti: ci piacerebbe che l’eventuale convenzione dicesse qualcosa anche di questo, visto che il Sindaco mette in campo una riflessione sui posti di lavoro.
Chiediamo però la massima trasparenza che, invece, non vediamo.

È vero che il passaggio preliminare è la variante urbanistica: quello che vogliamo vedere chiaramente è cosa succederà al Centro Commerciale ma soprattutto alla Città dopo la sua adozione.
Una riflessione di prospettiva è legata anche alla reale evoluzione del commercio che sicuramente coinvolge almeno tre categorie: il commercio tradizionale di vicinato, la grande distribuzione e quello che
avanza a grandi passi, cioè l’e-commerce.

È chiaro che mancano luoghi di confronto oltre quello del Consiglio Comunale  dove però dovrebbe giungere il risultato finale frutto di un dibattito della Città e non solo tra le forze politiche.
Una riflessione dovrebbe arrivare anche da come è stata approvata la variante RE3, ossia con soli 10 voti: di fatto, la NON maggioranza del Consiglio Comunale.

Quello che chiediamo è di dire subito che attività troveranno casa nel Centro Commerciale, se le stesse porteranno un arricchimento alla Città o solo alla parte proponente.
Si parla insistentemente di un nuovo multisala, ma è un’offerta che risponde alle esigenze della collettività o a questa domanda esistono già risposte tramite la multisala già presente e soprattutto lo spazio pubblico del Cinema Metropolis?

A quanto ammontano gli oneri ed eventuali extra oneri frutto della convenzione che si andrà a stipulare ?

Quali sono le opere finanziate e quale è la vera prospettiva, noi ricordiamo solo un “pizzino” presentato in una delle prime commissioni territorio che elencava una serie di cose, cessioni di aree, palazzetti dello sport, passerelle (ma non c’è n’è già una?) parcheggi e altro.

Le associazioni che rappresentano i commercianti hanno presentato osservazioni, Il Sig. sindaco non può liquidare questa discussione solo con blande dichiarazioni su La Calderina, non si possono procedere senza un dibattito pubblico.

Assieme alla variante urbanistica vengano presentati tutti i documenti conseguenti ed allora sarà possibile fare un bilancio e prendere consapevolmente una decisione altrimenti la certezza è di una decisione che influisce sul futuro della città che non può essere amministrata soltanto facendo qualche asfaltatura, qualche rifacimento di marciapiedi e un po’ di strisce bianche.

La città vuole contribuire alla formazione delle decisioni altrimenti ci sorge il sospetto che non si faccia l’interesse collettivo ma solo di quelli che hanno più forza.

I Partiti sono un importante pezzo del dibattito democratico; quello che veramente manca è la condivisione con i cittadini.

Antonella Caniato
Capogruppo PD
Consiglio Comunale di Paderno Dugnano

Paola Cattin
Segretaria PD
Circolo di Paderno Dugnano 

Comunicato Stampa – RE3: che tristezza!

La cosa che deve essere chiara è che ieri sera, in seconda convocazione, dopo la mancanza del numero legale del giorno prima la maggioranza non c’era e mancava su un argomento delicatissimo come la variante urbanistica RE3: 60 appartamenti del parco di via Gorizia, circa 15000 metri cubi “regalati” grazie allo scellerato Piano di Governo del territorio approvato dalla maggioranza guidata dal Sindaco Alparone.

È scandaloso che un argomento così delicato venga approvato in seconda convocazione e con soli 10 voti: in seconda convocazione si fanno le riunioni di condominio!
Poco equilibrata è stata la gestione della serata da parte del Presidente del Consiglio, il pubblico sfavorevole non è mai gradito e, come sempre, la serata finisce sempre con qualche espulsione!

Una cosa è certa, pesanti sono le assenze del gruppo di Forza Italia che nascondono un profondo malessere nella maggioranza, peccato che a farne le spese sia la nostra comunità che vede approvata una variante che apre la strada allo sconvolgimento del territorio.

Adesso come si farà a dire di no ad operazioni analoghe? Noi vogliamo sottolineare la negatività del merito e del metodo. Ci abbiamo provato come opposizioni, come associazioni, come cittadini (3000 firme )!

Non si doveva fare questa operazione e non si doveva fare in questo modo e soprattutto in questo momento con un Sindaco che ormai occupa una poltrona che è incompatibile con la sua nuova carica di Consigliere Regionale.

La comunità deve reagire, non rinunciare a percorrere strade che blocchino l’attuazione. Occorre prendere atto della mancanza di numeri che si è verificata, occorre essere consapevoli  che non si può lasciare ad una maggioranza arrogante e raffazzonata la gestione della politica padernese nell’ultimo anno.

Non staremo a guardare !

Per il gruppo consiliare del Partito Democratico del Comune di Paderno Dugnano
la Capogruppo
Antonella Caniato

Comunicato stampa – Ezio CASATI – Candidato per il centrosinistra al Collegio uninominale di CINISELLO BALSAMO

Candidatura alla Camera dei Deputati – Collegio uninominale di Cinisello Balsamo

Ezio Casati: “Sarò sul territorio per ascoltarlo e rappresentarlo”

La Direzione del PD nazionale, dello scorso 26 gennaio, mi ha indicato a rappresentare il centrosinistra nel mio collegio, quello di Cinisello Balsamo che comprende i comuni di Muggiò, Nova Milanese, Varedo, Senago, Cusano Milanino, Cormano, Cinisello Balsamo e Paderno Dugnano. Sarò il candidato alla Camera dei Deputati nel collegio uninominale, non avrò quindi nessun “paracadute”, o si vince o si sta a casa.

Questa ricandidatura, dopo la prima esperienza parlamentare appena conclusa, mi riempie di orgoglio e di responsabilità, perché come in precedenza, intendo offrire la mia esperienza al servizio di questo territorio, il mio territorio.

In questa campagna elettorale ci vedremo nelle piazze, ai mercati, ai gazebo che già tanti volontari si sono offerti di allestire. Sarò il portatore dei valori che la coalizione del centrosinistra porta con sé. Per questo voglio incontrare tutte le persone, le associazioni, le imprese, le categorie e le rappresentanze delle migliori esperienze che il territorio esprime. Il Nord Milano e la Brianza, che costituiscono il mio collegio elettorale, sono infatti portatori di una storia eccellente fatta di piccole e grandi imprese, volontariato, accoglienza, rispetto per le persone e le differenti culture.

Essere candidato a rappresentare un territorio significa, per me e per il mio modo di fare politica, costruire un serio lavoro di ascolto delle persone, delle famiglie, delle imprese e delle realtà che lo vivono e lo rendono unico.

E’ un lavoro già iniziato nei cinque anni passati come rappresentante della Camera dei Deputati ed ora, se la cittadinanza lo vorrà, potrò continuare a farlo.

La novità di questa mia candidatura, della quale ringrazio gli esponenti della Segreteria milanese, lombarda e nazionale del PD, si configura con il meccanismo delle elezioni dirette. Il mio nome sarà sulla scheda e il mio volto sui manifesti, ma soprattutto io sarò sul territorio per proporre e per ascoltare le persone. Perché mi sento profondamente figlio di questa terra che amo. Insieme possiamo farcela!

Ezio Casati

Variante RE3 via Gorizia: vieni in Consiglio Comunale!

La variante RE3 approda in Consiglio comunale.

Se vuoi conoscere il progetto che permetterà di costruire
3 palazzine (cioè 60 appartamenti)
nell’area verde di via Gorizia – via dalla Chiesa

vieni lunedì 18 dicembre a partire dalle 19.30!

BICICLETTATA per salvare il parco di Via Gorizia – 26 Novembre 2017


Salva il parco di Via Gorizia/Via Dalla Chiesa!
Sistema la bici e vieni domenica 26 novembre alla biciclettata!

Partenza ore 9:30 da Piazza della Resistenza (Municipio)
e arrivo al parco di Via Gorizia!

Ti aspettiamo!

 

Seguici su

ARCHIVIO