Interrogazioni

Daniela Caputo – INTERROGAZIONE – Incuria e completa assenza di manutenzione alla Cava Lago Nord

Alla C.A. del Facenti Funzioni Sindaco
Dell’Assessore al Decoro Urbano e Ambiente
Del Presidente del Consiglio Comunale
Del Segretario del Consiglio Comunale

OGGETTO: INCURIA E COMPLETA ASSENZA DI MANUTENZIONE ALLA CAVA LAGO NORD

La sottoscritta DANIELA CAPUTO Consigliera Comunale di Paderno Dugnano del Gruppo consiliare del Partito Democratico

PREMESSO CHE

  • Cava Nord è l’esempio di attenzione e sensibilità per le tematiche ambientali da parte sia di una Amministrazione Comunale virtuosa come quella che fu guidata dal Sindaco Stefano Strada che da parte di un mondo imprenditoriale che ebbe come riferimento il Sig. Luigi Tonelli, che negli anni ottanta hanno stipulato una Convenzione che ha portato allo sviluppo di un progetto di recupero ambientale delle aree oggetto di coltivazione mineraria.
  • Questo recupero ambientale è stato un momento di alto spessore innovativo e qualificante realizzato attraverso il progetto redatto dall’Arch. Cerasi. Questo connubio di forze, improntate al bene comune ambiente e vivibilità dei luoghi ha portato detto Progetto nel 1999 al riconoscimento del miglior progetto di recupero ambientale in occasione dell’European Restoration Award.
  • Il Risultato fu che Paderno Dugnano potè e può beneficiare di un polmone verde di 45 ettari in un’area fortemente cementificata ed urbanizzata.
  • Tra i diversi spazi di cui l’utenza poteva (e potrebbe) beneficiare e godere c’era anche l’Anfiteatro intitolato alla memoria di chi quel progetto volle, ovvero, il Sindaco Stefano Strada. L’Anfiteatro ha visto per ben 9 edizioni, dal 2000 al 2009, momenti di spettacolo e cultura musicale sia nella rassegna “Lago Nord Live Festival” che in altri eventi musicali organizzati con l’ausilio dell’Assessorato agli eventi e cultura; eventi felicemente partecipati dai cittadini di Paderno Dugnano, da tanti giovani del Milanese e non solo.
  • Purtroppo, l’Anfiteatro è diventato un luogo abbandonato a se stesso, non più oggetto di interesse e cura da parte dell’Amministrazione Comunale che va dalla Giunta del 2009 ad oggi, tanto da essere ormai irriconoscibile ed oggetto solo di atti vandalici, come dimostrato dalle immagini ivi riportate.
  • La stessa incuria e disinteresse dell’amministrazione è visibile in più punti del Parco Lago Nord – Cava Nord.

CHIEDE ALL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RISPONDERE ALLE SEGUENTI DOMANDE, PUNTO PER PUNTO:

  1. CHE FINE HA FATTO IL DECORO URBANO NELLO SPAZIO DELL’ANFITEATRO?
  2. CHE FINE HA FATTO IL RISPETTO PER L’AMBIENTE NEL PARCO CAVA NORD DA PARTE DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE?
  3. CHE FINE HA FATTO IL DECORO ED IL RISPETTO PER UN LUOGO INTITOLATO AD UNA ISTITUZIONE PUBBLICA DELLA CITTA’ CHE QUEL LUOGO HA FORTEMENTE VOLUTO FORTEMENTE PER TUTTI I SUOI CITTADINI?
  4. COME MAI NON SI SONO PIU’ SVOLTE MANIFESTAZIONI CULTURALI MUSICALI SIMILI A QUELLE CHE PER 9 ANNI HANNO DATO GIOIA E PARTECIPAZIONE A PADERNO DUGNANO?
  5. PERCHE’ NON SI E’ MAI PENSATO DI MANUTENERE L’ANFITEATRO?
  6. COME MAI IN DIVERSI PUNTI DEL PARCO LAGO NORD C’E’ INCURIA, ATTI DI VANDALISMO O ASSENZA DI MANUTENZIONE DA PARTE DEGLI ORGANI PREPOSTI?
  7. COME MAI IN 10 ANNI DI AMMINISTRAZIONE COMUNALE SOTTO LA CONDUZIONE DELL’ALLORA SINDACO ALPARONE NON SI E’ CERCATO DI ALMENO MANTENERE TUTTI GLI SPAZI DELLA CAVA NORD IN UNO STATO DI BUONA CONSERVAZIONE?

CHIEDO CHE LA PRESENTE INTERROGAZIONE VENGA ISCRITTA ALL’ODG DEL PRIMO CONSIGLIO COMUNALE UTILE, IN ATTESA DI RISPOSTA SALUTO DISTINTAMENTE.

Paderno Dugnano, 18 febbraio 2019

Consigliera Comunale di Paderno Dugnano
Daniela Caputo

Eugenio Marelli – INTERROGAZIONE: IMU INEVASA ARRETRATA

On.le Sindaco di Paderno Dugnano
Sig. Presidente del Consiglio Comunale Sigg..ri Capigruppo Consiliari.

Paderno Dugnano, 17/01/2018

Oggetto: INTERROGAZIONE — IMU INEVASA ARRETRATA.

PREMESSO:

In data 20 Luglio 2017, nella Commissione Territorio, il sottoscritto pose questione PREGIUDIZIALE per l’anticipato e totale pagamento dell’imposta IMU del quinquennio sulle aree fabbricabili dell’ambito Re3 di via Camposanto prima di ogni e qualsiasi proposta e delibera su tale argomento, ottenendo la definizione di “DOVEROSA” dell’assessore-Urbanistica competente Vice-Sindaco Bogani.

Il collega Consigliere Giuranna sottolineò l’importanza di tale PREGIUDIZIALE chiedendo l’assenso di tutti i consiglieri-commissari presenti e non ci furono osservazioni né tantomeno obiezioni.

Risulta da diversi interventi in commissioni e consiglio comunale e da accesso agli atti che a tutt’oggi vi è una grave inosservanza a detta pregiudiziale con mancati pagamenti IMU relativi al comparto Re3.

TUTTO CIÒ PREMESSO SI CHIEDE:

Quanti avvisi di accertamento, per quanti anni e per quale importo totale – sanzioni comprese – sono stati emessi a seguito della mia pregiudiziale e quanti eventualmente tuttora sono stati onorati.

Si chiede altresì che questa interrogazione venga iscritta all’ODG del prossimo Consiglio Comunale.

IN FEDE E CON OSSERVANZA

EUGENIO MARELLI

Vai alla risposta all’interrogazione

 

Maestri – INTERROGAZIONE – Stato di conservazione delle panchine nel Parco Lago Nord (detto anche “Cava Nord”)

– Al sig. Sindaco di Paderno Dugnano,
Marco Alparone;

– Al sig. Presidente Consiglio
Comune Paderno Dugnano,
Umberto Torraca

– Al sig. Assessore delegato in materia;

E, p.c. :

– Ai sigg. Capigruppo consiliari

 

Oggetto: INTERROGAZIONE – Stato di conservazione delle panchine nel Parco Lago Nord (detto anche “Cava Nord”)

 

Il sottoscritto consigliere comunale

PREMESSO CHE:

  • il Parco Lago Nord, come si evince dal sito istituzionale, è stato premiato nel 1999 a Strasburgo con il “Premio Comunità Europea per il miglior recupero ambientale di una cava di sabbia e ghiaia” e nel 2003 a Milano con il “Premio Piazza Mercanti” della Camera di Commercio di Milano, nella sezione “Tutela Ambientale”; per questo e altri motivi quando si cerca un’immagine che possa rappresentare tutta Paderno Dugnano si ricorre a sue foto: vedasi, ad esempio, uno degli header (testate) del sito comunale);
  • il Parco in oggetto viene frequentato non solo da molti cittadini padernesi ma anche da persone di altri comuni


Interroga il Sindaco e l’Assessore competente per conoscere:

 

  1. se sono a conoscenza dello stato di degrado delle panchine e delle strutture del parco (cfr. documento allegato – foto riprese da un post Facebook di un cittadino padernese);
  2. se e quali interventi di manutenzione di questi beni pubblici sono stati condotti nella vigente consigliatura e in quella precedente;
  3. se è prevista quantomeno la rimozione delle panchine completamente rotte al fine di evitare rischi per gli utenti del parco;
  4. se è prevista la sostituzione delle panchine oramai inutilizzabili e nel caso saranno di uguale tipo o si pensa di farle riprogettare

Chiedo altresì che la presente interrogazione sia iscritta all’Odg del primo Consiglio Comunale utile, in attesa di sollecita risposta scritta.

Cordiali saluti.

Paderno Dugnano, 28 novembre 2017

Efrem MAESTRI
(Partito Democratico)

 

Allegati: n°14 foto

Efrem Maestri – INTERROGAZIONE – Ricorso TAR Lombardia promosso da Clinica San Carlo contro il Comune di Paderno Dugnano

– Al sig. Sindaco di Paderno Dugnano,
Marco Alparone;

– Al sig. Presidente Consiglio
Comune Paderno Dugnano,
Umberto Torraca

– Al sig. Assessore delegato in materia;

E, p.c. :

– Ai sigg. Capigruppo consiliari

 

 

Oggetto: INTERROGAZIONE – Ricorso TAR Lombardia promosso da Clinica San Carlo contro il Comune di Paderno Dugnano

 

Il sottoscritto consigliere comunale

 

PREMESSO CHE:

 

  • il Comune di Paderno Dugnano, con delibera consiliare n. 36/2007 ha autorizzato la realizzazione di un nuovo edificio all’interno del complesso ospedaliero della Clinica San Carlo, oltre ad approvare la Convenzione tra il Comune di Paderno Dugnano e Clinica San Carlo, per la realizzazione di nuovi parcheggi pertinenti;

 

CONSIDERATI:

 

  • il ricorso avanti al TAR della Lombardia, notificato il 15/10/2007, promosso da Clinica San Carlo contro il Comune di Paderno Dugnano, volto ad ottenere l’esclusione dall’obbligo del versamento, pari a euro 640.908,00 , del contributo di costruzione dovuto per l’intervento predetto;
  • l’approvazione della delibera consiliare n. 54/2013 nella quale vengono modificate le condizioni presenti nella suddetta Convenzione, si evince che la Clinica San Carlo ha anticipato al Comune – tramite lettera pervenuta in data 26.06.2012 – la propria disponibilità di rinuncia del contenzioso TAR;
  • la realizzazione di parcheggi, in area comunale e privata, frutto delle obbligazioni assunte da Clinica San Carlo nell’ambito della summenzionata Convenzione;


Interroga il Sindaco e/o l’Assessore competente per chiedere:

 

  • se non intende rendere dettagliatamente edotta la cittadinanza, vista la complessità dell’iter, dei presupposti di rinuncia al ricorso;
  • quali benefici, anche in termini di viabilità, ha eventualmente ottenuto il Comune di Paderno Dugnano dalla rinuncia al ricorso e dalle modifiche della Convenzione stipulata con Clinica San Carlo;
  • in quali capitoli di bilancio e in quali annualità sono situati sia gli importi relativi alle rate del contributo di costruzione finalizzato al permesso di costruire, sia gli eventuali importi relativi alle ulteriori obbligazioni assunte da Clinica San Carlo;

 

Chiedo altresì che la presente interpellanza sia iscritta all’OdG del primo Consiglio Comunale utile, in attesa di sollecita risposta scritta.

Cordiali saluti.

Paderno Dugnano, 10/11/2017                                                              

Efrem MAESTRI (Partito Democratico)

Marco Coloretti – INTERROGAZIONE – Rottura tubazione in via Buozzi e vie limitrofe in data 23/10/2017

Paderno Dugnano, 27/10/2017                                                                             Al Signor Sindaco

 

INTERROGAZIONE* per rottura tubazione in via Buozzi e vie limitrofe in data 23/10/2017.

La rottura di una tubazione d’acqua durante dei lavori di scavo tra via Buozzi e le vie limitrofe ha causato parecchio disagio tra i cittadini ivi residenti.

Con la presente sono a chiedere:

  • Come si è determinato il fatto e chi lo ha causato;
  • Quale danno si è rilevato, sia in termini di perdita d’acqua sia in termini di interventi riparatori;
  • Quali sono le motivazioni a spiegazione del danno stesso e se ci si è attenuti a tutte le procedure previste affinché non si verificasse un simile episodio;
  • Chi risponde del danno causato e dei successivi interventi a riparazione dello stesso;
  • Quali procedure di intervento a fronte del fatto intercorso sono state attuate dalla pubblica amministrazione per contenere gli effetti legati a tale evento, sia verso i cittadini della zona sia a tutela del bene pubblico;
  • Quali forme di intervento si sono attuate per dare tempestiva informazione ai cittadini rispetto alla mancanza d’acqua conseguente al danno e a quali emergenze si è fatto fronte.

Ringraziando per l’attenzione, resto in attesa di una Vostra esauriente risposta.

In fede

Marco Coloretti

*da iscriversi all’odg del consiglio comunale.

Foto Simone Carcano – Il Notiziario

 

Leggi qui la risposta dell’assessore Tonello all’interrogazione

Daniela Caputo – INTERROGAZIONE – Mancata e/o inadeguata disinfestazione zanzare nei luoghi pubblici del Comune

ALLA C.A. DEL SINDACO

DELL’ASSESSORE PREPOSTO PER MATERIA

DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE e SEGRETARIA GENERALE

DEL COMUNE Dl PADERNO DUGNANO

 

OGGETTO: INTERROGAZIONE MANCATA E/O INADEGUATA DISINFESTAZIONE ZANZARE NEI LUOGHI PUBBLICI DEL COMUNE

 

La sottoscritta consigliera comunale Daniela Caputo del Gruppo consiliare del PD:

 

PREMESSO CHE

 

La zanzara tigre può costituire il veicolo di alcune malattie virali, come la febbre da Chikungunya , la Dengue, ed altre. Da qualche anno tali virus sono un problema anche In Italia, riscontrati casi anche in Lombardia. Le malattie hanno sintomi Importanti sull’uomo quali febbre alta, brividi, cefalea nausea, vomito, dolori articolari a volte anche macchie emorragiche cutanee.

Il West Nile Disease (WND), virus che può infettare anche l’uomo e che il 20% degli uomini infettati sviluppa sintomi ed alcuni casi sono sfociati in malattie neuro-invasive quale encefalite, meningo-encefalite o paralisi flaccida. Regione Lombardia ne evidenzia i dati sul sito ECDC.

In Lombardia sono state ordinate misure preventive previste da copiosa normativa (tra cui le note della D.G. Welfare Nota H1.2012.0010531 del 2/4/2012 : “Misure di contenimento delle zanzare e delle zecche”). Per la prevenzione degli eventuali focolai di malattie trasmesse da vettori e per ridurre la diffusione della zanzara, la Regione ha dettato semplici linee guida da far eseguire alla cittadinanza ed in primis ai Comuni, azioni atte a diminuire, se non addirittura azzerare, le zanzare.

Per difendersi dalle zanzare e dai possibili virus è quindi necessaria la collaborazione sinergica del Comune e dei suoi cittadini, ma, senza l’adeguata prevenzione dovuta dall’Amministrazione Comunale anche l’operato del cittadino viene vanificato. Infatti, se il Comune stesso non procede alla cura dei luoghi pubblici, come i parchi, (scuole, strade etc.) questi rimangono luoghi di infestazione massiva e di possibile contagio.

È accertato che le zanzare di tipo tigre hanno un raggio d’azione di meno di 200 metri come riportato dal sito e leaflet di Regione Lombardia. Circostanza questa che evidenzia come i luoghi di deposizione delle uova sono vicini a dove si nota la presenza delle zanzare pertanto, se un parco pubblico è invaso significa che la preventiva disinfestazione non è stata effettuata o comunque non è stata adeguata.

si ricorda che, i neonati ed i bambini piccoli sono maggiormente esposti agli effetti collaterali delle punture di tutte le specie di zanzare, tra le già citate reazioni, rischiose sono anche quelle allergiche.

 

VISTO CHE

 

Quest’anno la cittadinanza, nel periodo estivo, è stata particolarmente assillata dalla presenza copiosa di zanzare nei parchi pubblici e nei luoghi pubblici, si ricorda, a mero titolo esemplificativo, tra le più sentite, la presenza massiva durante le serate dell’Estate Padernese (evento organizzato dal Comune) situato in uno dei parchi più utilizzati dalla cittadinanza, parco Toti. Non da meno, sono state le numerose lamentele dei genitori che hanno accompagnato ai parchetti i propri figli e la presenza copiosa delle zanzare presso le due sedi del centro estivo comunale di Cassina Amata.

Palese è stata la mancanza di adeguata disinfestazione di questa Amministrazione Comunale.

 

EVIDENZIATO CHE

 

Il Sindaco, in qualità di responsabile della salute pubblica sul suo territorio, è tenuto per primo a dare disposizioni ai suoi uffici perché vengano effettuate le doverose profilassi, e che lo stesso ha, altresì, il potere di emanare ordinanze ai fini di igiene e sanità pubblica, essendo egli responsabile della tutela della salute dei cittadini da ogni possibile conseguenza derivante dall’infestazione,

Il Comune deve eseguire tutto ciò che è tenuto a fare in termini di trattamenti per evitare che nel periodo da aprile ad ottobre la cittadinanza abbia ad essere sottoposta non solo al fastidio della puntura delle zanzare, ma ai possibili effetti collaterali.

 

SI CHIEDE AL SINDACO E ALL’ASSESSORE AL VERDE

 

  • Come mai c’è stata una presenza massiva di zanzare nei parchi pubblici (e nei luoghi pubblici in generale) in una estate non affatto piovosa,
  • Corne mai nei plessi (e nei cortili/giardino) del centro estivo comunale di Cassina Amata c’è stata una presenza altissima di zanzare.
  • Di indicare tutte le azioni effettuate da aprile sino ad oggi nei luoghi pubblici sopra indicati con relative certificazioni e date atte a debellare le zanzare ed ai fine di tutelare la salute pubblica.

Si chiede, altresì, che la presente sia iscrittaall’OdG del prossimo Consiglio Comunale, rimanendo in attesa. di sollecita risposta scritta.

Cordiali

Paderno Dugnano, 20 settembre 2017

Daniela Caputo
Consigliera Comunale

 

Leggi qui la risposta del Vice Sindaco Bogani all’interrogazione

 

 

Daniela Caputo – INTERROGAZIONE: cassonetti abiti usati abusivi o autorizzati? Di chi sono i cassonetti? Facciamo conoscere a tutti i cittadini la filiera della solidarietà

Paderno Dugnano, 16 maggio 2016

Alla C.A. dell’Assessorato competente
Del Sindaco
Del Segretario del Consiglio Comunale
Del Presidente del consiglio comunale
del Comune di Paderno Dugnano

 

INTERROGAZIONE: CASSONETTI ABITI USATI ABUSIVI O AUTORIZZATI? DI CHI SONO I CASSONETTI?
FACCIAMO CONOSCERE A TUTTI I CITTADINI LA FILIERA DELLA SOLIDARIETÀ

La sottoscritta Consigliera Comunale Daniela Caputo del Gruppo consiliare PD

Premesso Che

  • Sul territorio di Paderno Dugnano sono presenti dei contenitori di stoccaggio e raccolta di abiti dismessi, si fa ad esempio cenno a quello installato in Via Trento (di cui si offre fotografia) e quello presente nel quartiere di Cassina Amata installato sul marciapiede che porta alla scuola materna di Via Corridori;

  • il settore Opere per il Territorio e per l’Ambiente è dotato di un protocollo per il servizio di raccolta differenziata di manufatti tessili e non, quali indumenti, corredi e scarpe usati, attuato mediante conferimento in raccoglitori collocati su aree demaniali appositamente concesse in uso;

  • il regolamento, di cui sopra, aveva previsto il bando di gara con offerta entro il 24.01.2013 a pena di esclusione;

  • Nel piano del Diritto allo studio del 2014-2015 si era, altresì, inserito un progetto quello relativo alla Caritas chiamato “Dona Valore” facendo ospitare neicortilidelle nostre scuole i cassonetti gialli per la raccolta di Tessuti-abiti-scarpe etc. per ovviare ad una grossa miticità riscontratasi anche sul nostro territorio;

  • Guardando all’oggi, viene riferito da numerosi cittadini che ci sono nuovi cassonetti installati da pochissimo quali ad es. di Via Trento posizionato il 27 gennaio 2016;

  • I cassonetti installati non riportano, inoltre, il logo dell’appaltatore, che si è aggiudicato il bando per la raccolta autorizzata sul Nostro territorio Comunale, o comunque della società, tanto meno quello del Comune di Paderno Dugnano, che sarebbe buona regola ai fini della trasparenza e per evitare confusione, cosa che servirebbe ad incentivare la partecipazione alla solidarietà;

  • I cassonetti sono spesso contornati da sacchi e merce di ogni tipo al di fuori degli stessi, creando accatastamenti e stoccaggi per giorni e giorni che recano pregiudizio alla stessa buona iniziativa di solidarietà dei nostri cittadini;

  • anche il decoro urbano passa dalla cura del servizio offerto sarebbe quindi importante curarne la periodicità di raccolta del servizio;

Considerato che

La solidarietà è un valore umano importante che ci deve trovare uniti e collaboranti.
Così come, uniti e collaboranti dobbiamo essere innanzi alla veicolazione della cultura della legalità che abbraccia in sé, anche, il valore della cooperazione e della solidarietà tra esseri umani

Questa Consigliera Comunale Interroga la Giunta ed il Sindaco per conoscere e sapere:

  1. Se conoscono dell’esistenza di questi cassonetti e se quindi siano autorizzati dalla Nostra Amministrazione Pubblica?

  2. Se abbiano fatto ingresso attraverso il bando di gara di cui nelle premesse o attraverso altra norma e se sì quale?;

  3. Ma cosa più importante, come mai i cassonetti non riportano alcun logo riferibile al loro progetto o al loro Appaltatore e nessuna menzione al Comune di Paderno Dugnano, ingenerando purtroppo confusione nel Cittadino che rischia di confonderli con quelli a volte menzionati dalla cronaca, ovvero quelli non legali?

  4. Possiamo mettere il logo del Comune di Paderno Dugnano e della società a cui appartengono così da renderli facilmente riconoscibili?

  5. Quante volte passa l’appaltatore autorizzato a raccogliere il materiale stoccato da smaltire e se se ne conosce la filiera di smistamento si chiede di enunciarla ed a chi vengono assegnati?

Si allegano foto per presa visione da parte dell’Amministrazione dei cassonetti di cui in oggetto, le foto sono da ritenersi parte integrante del presente atto.

Con osservanza.

Paderno Dugnano, 16 maggio 2016

Consigliera Comunale
Daniela Caputo

Caniato, Coloretti – INTERROGAZIONE – episodio di cronaca nera avvenuto il 7/9 a Palazzolo

Paderno, 10/9/2015

Al Sindaco

All’Assessore delegato

Al Presidente della Comm. Legalità e Sicurezza

 

Interrogazione

In merito all’episodio di cronaca nera avvenuto il 7/9 a Palazzolo e che ha riguardato una sparatoria che ha visto coinvolto un pregiudicato presente sul nostro territorio siamo a chiedere :

1 – se le investigazioni in corso abbiano potuto stabilire cause precise rispetto all’avvenimento in oggetto;

2 – se l’episodio in oggetto si inquadra in una dinamica criminale più ampia o se è ritenuto occasionale;

3 – se la presenza sul territorio di soggetti criminali è dovutamente monitorata dalle forze di sicurezza;

4 – se l’azione dei vari soggetti preposti alla sicurezza del territorio è adeguatamente coordinata al fine di prevenire e di controllare l’azione criminale che possa derivare da queste presenze;

5 – se esiste una casistica almeno dall’inizio dell’anno in corso che faccia meglio comprendere le dinamiche criminali che si verificano a Paderno Dugnano, sia rispetto agli episodi noti che hanno avuto eco di stampa sia rispetto agli interventi effettuati dalle diverse forze dell’ordine a garanzia e prevenzione della sicurezza della nostra città.

 

A nome e per conto del gruppo consiliare di Paderno Dugnano

Caniato Antonella (capogruppo)
Coloretti Marco (Vicepresidente Commissione Legalità)

 

Si chiede di poter iscrivere la presente all’odg del prossimo consiglio comunale.

Coloretti, Maestri, Marelli – INTERROGAZIONE – Situazione complessiva Ages

Paderno, 10/9/2015

Al Sindaco
All’Assessore delegato
Al Presidente Comm. Economia

I sottoscritti consiglieri

Premesso che

sia in sede di commissione sia attraverso i lavori del CC il gruppo del PD ha più volte chiesto di avere un quadro definito della situazione complessiva di Ages;

Premesso inoltre che

si è recentemente provveduto ad un cambio di direzione organizzativa e di gestione della stessa Ages;

i sottoscritti consiglieri chiedono di conoscere:

– se la Giunta ha l’intenzione di promuovere al più presto un incontro conoscitivo della situazione data dell’Azienda stessa in sede di Consiglio Comunale e/o in sede di Commissione consiliare competente;

– quali siano gli obiettivi strategici demandati ad Ages per il prossimo triennio.

 

I consiglieri del Partito Democratico di Paderno Dugnano membri della Commissione Economia

Coloretti Marco
Maestri Efrem
Marelli Eugenio

 

Si chiede di poter iscrivere la presente all’odg del prossimo consiglio comunale.

Efrem Maestri – INTERROGAZIONE – taglio alberi lungo fiume Seveso, sponda est, adiacente cimitero quartiere Paderno

• Al sig. Sindaco di Paderno Dugnano,
dott. Marco Alparone;

• Al sig. Presidente Consiglio Comune Paderno Dugnano,
rag. Umberto Torraca

• Al sig. Assessore delegato in materia;

E, p.c. :
• Ai sigg. Capigruppo consiliari

Oggetto: INTERROGAZIONE – taglio alberi lungo fiume Seveso, sponda est, adiacente cimitero quartiere Paderno

 

Il sottoscritto consigliere comunale, in riferimento all’oggetto della presente interrogazione, avvenuto in data 17 aprile 2015 (vedasi foto allegata)

 

Interroga la Giunta e l’Assessore competente per chiedere:

  • i motivi di tale attività;
  • quale azienda ha effettuato il lavoro di potatura e qual è stato il compenso dell’azienda;
  • se la zona in oggetto è soggetta ai lavori di riqualificazione della Rho-Monza;
  • quanti e quali alberi sono stati effettivamente abbattuti;
  • se è stato valutato sia l’impatto estetico ed ambientale, sia l’impatto economico-patrimoniale;
  • se, prima del taglio, sono stati effettuati esami in merito alle condizioni fitosanitarie degli alberi e da parte di chi;
  • se è stata prodotta una perizia e/o una documentazione tecnica;
  • il motivo per cui la commissione consiliare competente non è stata informata;
  • se la commissione paesaggio è stata coinvolta e/o ne è a conoscenza;
  • se sono previsti eventuali interventi di reintegrazione.

Chiedo altresì che la presente interrogazione sia iscritta all’Odg del primo Consiglio Comunale utile, in attesa di sollecita risposta scritta.
Cordiali saluti.

Paderno Dugnano, 10/07/2015

Efrem MAESTRI (Partito Democratico)

 
 
(vai alla risposta dell’assessore Rudellin)

Seguici su

ARCHIVIO